Forno crematorio al Capitolo, i cittadini: "Siamo la pattumeria di Piacenza" - Crematorium.eu News about crematoria in Europe - www.crematorium.eu informs about crematoria in Europe- Krematorium.eu- crematorio.eu, find a crematorium

Search
Go to content

Main menu:

Forno crematorio al Capitolo, i cittadini: "Siamo la pattumeria di Piacenza"

Published by in Italian / Italiano ·
Tags: PiacenzacrematorioForno

"Siamo stanchi: al Capitolo si trovano concebntrati in poco spazio un’autostrada, una delle strade più trafficate della città, due aziende importanti come Safta e Cementirossi e l’inceneritore. Adesso si vuole costruire anche il forno crematorio. Basta: l’assessore Katia Tarasconi lo costruisca vicino a casa sua, a San Lazzaro". La protesta parte dal quartiere di Piacenza, Capitolo, dove si è costituito un comitato per dare maggiore forza alle istanze dei cittadini, che hanno trovato subito sponda in alcuni rappresentanti del Carroccio, dal consigliere di circoscrizione Gianmarco Maffini, al segretario cittadino Paolo Mancioppi all’onorevole Massimo Polledri.

Proprio il parlamentare della Lega solleva obiezioni anche sotto il profilo normativo. "Questo tipo di impianto deve sottostare all’articolo 343 della legge 1265 del 1934, che prevede un’autorizzazione prefettizia per procedere. Autorizzazione che, mi risulta, non è mai arrivata. Per questo motivo stiamo ptreparando una diffida da presentare in Comune - anticipa Polledri -. Non credo che all’interno dell’area prescelta (il cimitero cittadino, ndr) sussistano le condizioni di decoro necessarie per realizzare un forno crematorio, che deve sorgere invec e in uno spazio adeguato e non vicino all’inceneritore. Devono essere garantite la pietas e la privacy".

"In certe giornate non è possibile aprire le finestre di casa perché c’è un odore soffocante - dice Giorgio Giorgiutti, residente -. Qui si concentrano gli scarichi delle aziende e delle auto. Non dico che quella del forno crematorio non sia un’opera utile, ma perché non farla da un’altra parte?". "In un primo momento, quando abbiamo partecipato all’assemblea di presentazione del progetto, in circoscrizione, sembrava che il forno dovesse essere realizzato a Mucinasso. Poi un sacerdote ha dato la disponibilità ad "ospitarlo" vicino alla sua parrocchia, presso il Po (frazione Sparavera, a Mortizza, ndr). Ora invece apprendiamo che si farà qui, nel cimitero cittadino - prosegue un altro abhitante del Capitolo, Roberto Polimeni -. L’assessore dice che avrà le stesse emissioni di un condominio. Ma in un caseggiato il riscaldamento non funziona 365 giorni l’anno. Il forno crematorio deve essere realizzato lontano dalle abitazioni, in un luogo dove sono presenti meno fonti di emissioni. Se non è dannoso, perché non farlo a San Lazzaro, dove vive l’assessore Tarasconi?".




No comments

Add to Google
crematorium.eu on Facebook
Back to content | Back to main menu